logo-cantieri-di-imprese

RESTO AL SUD: PUBBLICATO SULLA G.U. IL DECRETO CHE ESTENDE L’INCENTIVO AGLI UNDER 56

Scadenza : A sportello Codice : 2017_079 Area territoriale : Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia

Cos’è

Resto al Sud sostiene la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e libero professionali in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria). L’incentivo è destinato a chi ha un’età compresa tra i 18 e i 56 anni.

Cosa finanzia:

  • attività produttive nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  • turismo
  • attività libero professionali (sia in forma individuale che societaria)
  • commercio

Sono escluse le attività agricole

Resto al Sud copre fino al 100% delle spese, con un finanziamento massimo di 50.000 euro per ogni richiedente, che può arrivare fino a 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci.

Per le sole imprese esercitate in forma individuale, con un solo soggetto proponente, il finanziamento massimo è stato elevato a 60.000 euro.

A supporto del fabbisogno di circolante, è previsto un ulteriore contributo a fondo perduto:

  • 15.000 euro per le ditte individuali e le attività professionali svolte in forma individuale
  • fino a un massimo di 40.000 euro per le società

Il contributo viene erogato al completamento del programma di spesa, contestualmente al saldo dei contributi concessi.

I fondi disponibili ammontano a 1 miliardo e 250 milioni di euro.

Non ci sono bandi, scadenze o graduatorie: le domande vengono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo.

Spese ammissibili

Possono essere finanziate le seguenti spese:

  • ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (massimo 30% del programma di spesa)
  • macchinari, impianti e attrezzature nuovi
  • programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione
  • spese di gestione (materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative) – massimo 20% del programma di spesa

*Non sono ammissibili le spese di progettazione e promozionali, le spese per le consulenze e per il personale dipendente.

 Come funzionano le agevolazioni

Le agevolazioni coprono il 100% delle spese ammissibili e sono cosi composte:

  • 50% di contributo a fondo perduto
  • 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi sono interamente a carico di Invitalia.

CONTATTACI

Se hai bisogno di aiuto per mettere a punto il tuo progetto imprenditoriale
puoi chiedere assistenza gratuita a cantieri di Imprese.

Tramite i percorsi Yes I Start Up
Cantieri di Imprese ti prepara, gratuitamente, a predisporre il tuo Business Plan.

Bandi in evidenza

CULTURA CREA 2.0

Cultura Crea 2.0 è l’incentivo che sostiene la nascita e la crescita di imprese e iniziative no profit nel settore dell’industria culturale, creativa e turistica, che puntano a valorizzare le risorse culturali nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.
SCADENZA: A SPORTELLO

Offerte Lavoro

Rimani sempre aggiornato​

Vuoi essere informato su bandi e avvisi pubblici?
Manda un messaggio su Whatsapp al numero 348.4990493 con:
Nome, Cognome e Comune di residenza

Memorizza il numero e sarai sempre aggiornato!

Cantieri di Imprese è presente sui Social per comunicare e promuovere le proprie attività.

Apri chat
RIMANI AGGIORNATO
Vuoi essere informato su bandi e avvisi pubblici?
Manda un messaggio con:
Nome, Cognome e Comune di residenza
Memorizza il numero e sarai sempre aggiornato!