RIGENERARE SPAZI DA CONDIVIDERE

 

Fondazione Unipolis promuove la quinta edizione del bando nazionale “culturability – rigenerare spazi da condividere” per sostenere progetti innovativi in ambito culturale e creativo ad alto impatto sociale, che recuperano e danno nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o sottoutilizzati.

SOGGETTI AMMISSIBILI

  1. PROGETTI PRESENTATI DA SINGOLE ORGANIZZAZIONI
    Il bando è aperto alle organizzazioni senza scopo di lucro (associazioni, comitati, fondazioni, organizzazioni di volontariato, organizzazioni non governative, associazioni e società sportive dilettantistiche senza fini di lucro, associazioni di promozione sociale, cooperative sociali, imprese sociali, altre ONLUS non ricomprese in questo elenco); alle imprese private e cooperative che operano nel settore culturale, orientate a produrre significativi
    impatti positivi per la collettività. Per accedere al bando, i soggetti proponenti devono avere sede in Italia e possedere un Organo di Gestione (Consiglio di Amministrazione o Consiglio/Comitato Direttivo) costituito in maggioranza assoluta (50% più uno) da membri con età compresa tra i 18 e i 35 anni.
  2.  PROGETTI PRESENTATI DA TEAM INFORMALI
    La partecipazione è aperta anche a team informali alla condizione che, nel caso siano selezionati fra i 15 finalisti, venga dichiarato un formale impegno a costituirsi giuridicamente in una organizzazione che risponda ai requisiti indicati al punto precedente. Inoltre, laddove il progetto sia individuato fra i 6 ai quali è previsto che venga assegnato il contributo economico di 50 mila euro, l’erogazione avverrà unicamente a seguito di presentazione di idonea certificazione circa l’avvenuta trasformazione in organizzazione riconosciuta. Un team deve essere composto da minimo tre persone. Anche nel caso di team informali, deve essere garantita una maggioranza assoluta (50% più uno) di componenti di età compresa fra i 18 e i 35 anni.
  3. Possono partecipare al bando anche reti di soggetti che presentino un progetto in partnership, anche con organizzazioni che abbiano sede all’estero. Per progetto in partnership, si intende un intervento realizzato congiuntamente da un soggetto “capofila” (sia esso un’organizzazione o un team informale) e da una o più organizzazioni “partner”, che partecipino attivamente alle iniziative previste.
    I partner possono, invece, avere natura giuridica differente (per esempio enti pubblici, università, etc.), avere sede all’estero e ad essi non è richiesto il requisito anagrafico (prevalenza nell’Organo di Gestione di membri under 35).  È necessario presentare un accordo di partenariato.  Al suo interno devono essere chiariti: l’ambito, l’oggetto e la durata dell’accordo; gli impegni e i ruoli del capofila e di ogni singolo partner. Nella selezione, saranno privilegiati i progetti presentati in partnership.

CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

Il bando è aperto a progetti innovativi nel settore culturale e creativo che, attraverso il recupero, il riuso e la riattivazione di beni immobili e spazi fisici (pubblici o privati, urbani e non, edifici o spazi aperti, beni confiscati alla criminalità organizzata, dismessi, sotto utilizzati, con una destinazione d’uso diversa da quella culturale, con una destinazione culturale iniziale che ha necessità di essere recuperata o rinnovata), si propongano di mettere questi luoghi a disposizione delle comunità territoriali, generando un impatto sociale positivo e creando occasioni di rigenerazione a vocazione culturale e di sviluppo, favorendo processi e percorsi di collaborazione e cittadinanza, soprattutto giovanile. Il bando si propone, quindi, di sostenere progetti di innovazione non solo culturale, ma anche sociale, in grado di generare risposte nuove ai bisogni sociali vecchi od emergenti, di promuovere integrazione tra le culture e le comunità, di creare nuova occupazione e di favorire partnership tra pubblico, privato e terzo settore, cittadini.

Lo spazio fisico oggetto dell’intervento deve avere sede in Italia e deve essere: già affidato/concesso o in corso di
affidamento/ /concessione, da parte del soggetto proprietario all’organizzazione che presenta una proposta per il bando, o comunque a uno dei partner del capofila (in caso di progetti in partnership); di proprietà del proponente o di uno dei partner (in caso di progetti in partnership). La documentazione attestante tale condizione dovrà essere allegata nel modulo online. Nel caso di spazi in corso di assegnazione, l’organizzazione proponente deve indicare lo stato di avanzamento della procedura. In ogni caso, l’assegnazione dovrà essere finalizzata, e comprovata da documento scritto, entro e non oltre il 2 agosto 2018 (data di consegna dei dossier finali per i 15 progetti selezionati).

DOTAZIONE FINANZIARIA E NATURA DEL FINANZIAMENTO

Con questo bando, Fondazione Unipolis mette a disposizione risorse 450 mila euro, tra contributi economici per lo sviluppo dei progetti selezionati, accompagnamento per l’empowerment dei team, rimborsi spese per partecipare alle attività di supporto. Tra i partecipanti verranno scelte 15 proposte, che prenderanno parte a un percorso di formazione; tra queste saranno scelti 6 progetti che riceveranno 50 mila euro ciascuno e continueranno l’attività di mentoring, pronti a… rigenerare spazi da condividere!

CRITERI DI VALUTAZIONE

I progetti pervenuti saranno valutati in base ai seguenti criteri:
• Valore culturale: significatività e innovatività della proposta dal punto di vista della progettazione, produzione, distribuzione e fruizione della cultura; utilità del progetto e potenziale impatto per il sistema culturale; innovazione in termini di prodotti e servizi culturali offerti.
• Impatto e innovazione e sociale: capacità di promuovere inclusione e coesione sociale, di rispondere a bisogni della comunità di riferimento, di contribuire in forma nuova al benessere individuale e collettivo; capacità di favorire l’accesso alla cultura da parte del maggior numero di persone e coinvolgere nuovi pubblici; capacità di
favorire l’integrazione culturale e multiculturale, la partecipazione e il coinvolgimento di soggetti deboli o categorie svantaggiate.
• Fattibilità e sostenibilità economica: credibilità e realizzabilità dell’iniziativa, capacità del progetto di mantenersi attivo ed efficiente sviluppandosi nel mediolungo periodo; capacità di ideare modelli ibridi, in cui la ricerca della sostenibilità e del profitto si combina con quella di produrre un impatto sociale e culturale dimostrabile;
condizione essenziale è la presenza di un significativo co-finanziamento da parte dei soggetti che presentano il progetto (team, organizzazione capofila, organizzazioni partner), sia esso in denaro o nella messa a disposizione di lavoro, attrezzature, etc.
• Collaborazione e reti: capacità di promuovere relazioni fra diversi soggetti e organizzazioni, di costruire reti territoriali e online, di attivare percorsi di coprogettazione e coinvolgimento dei cittadini e delle comunità di riferimento; saranno valutati positivamente i progetti presentati da più soggetti in partnership e quelli che
prevedono una collaborazione virtuosa con le istituzioni pubbliche.
• Sviluppo e creazione di lavoro: capacità di promuovere occasioni di crescita di competenze e professionali, generando opportunità di occupazione.

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE

DAL 20/02 AL 20/04: Invio dei progetti tramite il sito e tour di presentazione del bando.

DAL 21/04 AL 31/05: Prima valutazione interna delle proposte e selezione di 15 progetti.

DAL 13/06 AL 02/08: Percorso con i team per migliorare e sviluppare le loro proposte e invio del dossier definitivo.

DAL 03/08 AL 24/09: Selezione dei sei progetti vincitori.

DAL 25/09 AL 30/11: Erogazione del finanziamento.

Print Friendly, PDF & Email

Desideri ricevere maggiori informazioni?

Contattaci!



Dichiarando di aver letto la Privacy Policy