PSR 2014/2020 Misura 4.1.3. Contributo a fondo perduto fino al 70% per la gestione della risorsa idrica da parte delle aziende agricole.

Scheda n.58

OBIETTIVI DEL BANDO

La misura 4.1 attraverso l’intervento 4.1.3 “Investimenti per la gestione della risorsa idrica da parte delle aziende agricole” sostiene gli investimenti a livello aziendale finalizzati a rendere più efficiente l’uso dell’acqua in agricoltura, attraverso interventi che incidono sul sistema di accumulo, di distribuzione e di irrigazione. L’intervento infatti concorre alla razionalizzazione ed al controllo dell’uso della risorsa idrica a fini irrigui e a migliorare l’adattamento degli effetti dei cambiamenti climatici nell’utilizzo della risorsa idrica.

SOGGETTI BENEFICIARI

Sono ammessi a presentare domanda per ottenere il sostegno:

  • agricoltori;
  • associazioni di agricoltori secondo le forme previste e stabilite dalla legge.

TIPOLOGIA DI INTERVENTI AMMISSIBILI

Gli investimenti da realizzare devono mirare:

  • alla razionalizzazione ed al controllo dell’uso della risorsa idrica a fini irrigui (sia in termini di fonti e sistemi di approvvigionamento che di riduzione dei consumi);
  • a migliorare l’adattamento degli effetti dei cambiamenti climatici nell’utilizzo della risorsa idrica;

Sono considerati ammissibili a finanziamento le categorie di spesa relative a investimenti per:

  1. modalità alternative di approvvigionamento idrico rispetto al prelievo di acque sotterranee, con conseguente risparmio di risorsa irrigua;
  2. razionalizzare l’uso della risorsa irrigua ed il conseguente risparmio della stessa (raccolta e stoccaggio delle acque, ripristino elementi strutturali per miglioramento efficienza e funzionalità e sicurezza dei sistemi, recupero e trattamento acque reflue aziendali, reti aziendali per la distribuzione e l’utilizzazione dell’acqua, ivi inclusi i nuovi impianti di irrigazione e miglioramento degli esistenti, sistemi per la misurazione, il controllo, il telecontrollo e l’automazione);
  3. acquisizione di hardware finalizzati all’adozione di tecnologie dell’informazione e comunicazione (TIC) strettamente connessi alla gestione della risorsa idrica utilizzata per fini irrigui;
  4. spese generali collegate agli investimenti di cui alle lettere da a) fino a c), come onorari per professionisti e consulenti, compensi per consulenze in materia di sostenibilità ambientale ed economica, inclusi gli studi di fattibilità. Le spese generali, inclusi gli studi di fattibilità, sono ammesse nel limite del 9% della spesa totale ammissibile dell’intervento agevolato e) acquisizione di programmi informatici finalizzati all’adozione di tecnologie dell’informazione e comunicazione (TIC) strettamente connessi alla gestione efficiente ed al risparmio della risorsa idrica utilizzata per fini irrigui.

ENTITA’ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE

Il sostegno è erogato come contributo pubblico in conto capitale, calcolato in percentuale sui costi ammissibili totali. L’entità del sostegno è:

A. Per le imprese agricole:

  • 55% del costo dell’investimento ammissibile realizzato da altri agricoltori nelle zone zone montane e svantaggiate 45% del costo dell’investimento ammissibile realizzato da altri agricoltori nelle altre zone. 

B. Per i giovani agricoltori al primo insediamento (pacchetto giovani del PSR):

  • 70% del costo dell’investimento ammissibile, nelle zone montane e svantaggiate
  • 60% del costo dell’investimento ammissibile, nelle altre zone.

Le aliquote di sostegno di cui alla lettera A sono maggiorate del 10% nel caso di sostegno ad investimenti collettivi. La maggiorazione del 10% non è applicabile alle aliquote di sostegno di cui alla lettera B.

SCADENZA  16/01/2017

Per informazioni:  info.modaffari@gmail.com  cell-+39 3484990493

Print Friendly, PDF & Email

Desideri ricevere maggiori informazioni?

Contattaci!



Dichiarando di aver letto la Privacy Policy