Loading...

Specialista Rapporti Istituzionali Comunitari per il Ferrovie dello Stato Italiane

Specialista Rapporti Istituzionali Comunitari per il Ferrovie dello Stato Italiane
  • Scadenza :
  • Codice :
  • Ente/Azienda :

Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane ricerca 1 Specialista Rapporti Istituzionali Comunitari da inserire presso la struttura Affari Istituzionali Internazionali della Direzione Centrale Affari Istituzionali e Regolatori, con sede Bruxelles.

La risorsa si occuperà delle seguenti attività:

  • redazione di positions papers, analisi critiche e resoconti a supporto dell’attività di rappresentanza presso le associazioni di cui l’azienda è membro;
  • monitoraggio delle decisioni  della Commissione in materia di antitrust, aiuti di stato, mercato interno, procedure di infrazione;
  • supporto nei rapporti con le Autorità europee della Concorrenza, eccetto le Autorità nazionali.

Requisiti richiesti

  • laurea in  giurisprudenza, preferibilmente con specializzazione in diritto comunitario;
  • studi specialistici o esperienze di lavoro e/o nel settore del diritto comunitario e dei trasporti;
  • esperienza di lavoro o stage nelle istituzioni UE;
  • minimo 1/3 anni di esperienza lavorativa post laurea in ambienti/aziende internazionali e/o in affari UE;
  • conoscenza della lingua inglese e italiana a livello superiore.

Requisito preferenziale, inoltre, sarà anche una buona conoscenza del francese e/o del tedesco.

Completano il profilo ottime capacità di analisi, scrittura di pareri legali ed emendamenti di testi legislativi, problem solving, rispetto dei tempi, riservatezza e capacità di mediazione e negoziazione, oltre che il possesso di ottime competenze comunicative.

L’inserimento avverrà con Contratto a tempo indeterminato.

Sedi di lavoro: Bruxelles

Se sei in possesso dei requisiti richiesti, seleziona questa offerta e candidati entro il 24 marzo 2017 attraverso la sezione RICHERCHE IN CORSO della pagina LAVORA CON NOI di Ferrovie delle Stato Italiane.

 

info@cantieridimprese.it

Print Friendly