Loading...

Concorso per 22 Istruttori Amministrativi presso il Comune di Firenze

Concorso per 22 Istruttori Amministrativi presso il Comune di Firenze
  • Scadenza :
  • Codice :
  • Ente/Azienda :

Il Comune di Firenze ha indetto un concorso pubblico, per esami e titoli, per la copertura di n. 22 posti a tempo pieno e indeterminato nel profilo professionale di ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO (cat. giuridica D1).

Requisiti

Sono ammessi i candidati – senza distinzione di genere – in possesso dei seguenti requisiti:

a) 1. cittadinanza italiana o 2. cittadinanza di altro Stato appartenente all’Unione Europea o 3. cittadinanza extracomunitaria, solo ove ricorrano le condizioni di cui all’art. 38 del D. Lgs. 30.3.2001, n. 165 come modificato dall’art. 7 della L. 6.8.2013, n. 97. I cittadini non italiani, ai fini dell’accesso ai posti della pubblica amministrazione, devono essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini italiani e avere adeguata conoscenza della lingua italiana;

b) età non inferiore agli anni 18;

c) idoneità fisica all’impiego;

d) godimento del diritto di elettorato politico attivo;

e) non avere riportato condanne penali, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti nel Capo I, Titolo II, Libro II del Codice Penale; non trovarsi nelle condizioni di cui agli artt. 10 e 11 del D. Lgs. 235/2012; non essere sottoposto a misure restrittive della libertà personale;

f) non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento; non essere stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico, ai sensi dell’articolo 127, primo comma, lettera d), del Testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con D.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3; non aver subito un licenziamento disciplinare o un licenziamento per giusta causa dall’impiego presso una pubblica amministrazione;

g) posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva (solo per i cittadini italiani di sesso maschile nati entro il 31.12.1985) OPPURE posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva previsto dagli ordinamenti del paese di appartenenza (solo per i cittadini non italiani);

h) Diploma di Laurea vecchio ordinamento (DL) in ECONOMIA E COMMERCIO o in GIURISPRUDENZA o in SCIENZE POLITICHE oppure Laurea Specialistica (LS – DM 509/99) o Laurea Magistrale (LM – DM 270/04) equiparata a uno dei Diplomi di Laurea (DL) specificati oppure una tra le seguenti Lauree Triennali:

DM 509/1999

DM 270/2004

02 – Scienze dei servizi giuridici

31 – Scienze giuridiche

L-14 – Scienze dei servizi giuridici
15 – Scienze politiche e delle relazioni internazionali L-36 – Scienze politiche e delle relazioni internazionali
17 – Scienze dell’economia e della gestione aziendale L-18 – Scienze dell’economia e della gestione aziendale
19 – Scienze dell’amministrazione L-16 – Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione
28 – Scienze economiche

L-33 – Scienze economiche

Domanda di partecipazione

La domanda di partecipazione deve essere redatta e presentata in forma esclusivamente digitale. Il modulo è disponibile all’indirizzo www.comune.fi.it (percorso: Concorsi/Selezione personale > Bandi aperti). Sarà possibile accedere al modulo mediante:

a) Accredito al Portale dei Servizi online del Comune di Firenze: cliccare sull’icona rossa e inserire le proprie credenziali, oppure registrarsi per richiedere l’accreditamento;

b) Carta nazionale dei servizi (tessera sanitaria) attivata: inserire la tessera nel lettore smartcard, quindi cliccare sull’icona rossa e inserire il pin di accesso;

c) Sistema pubblico di identità digitale (SPID): cliccare sull’icona blu e inserire le proprie credenziali.

Aprire la pagina “Selezioni aperte” e scegliere dall’elenco la procedura desiderata.

La domanda deve essere inviata attraverso la procedura online entro il giorno 29 giugno 2017.

Allegati alla domanda

Alla domanda devono essere allegati in forma digitale:

a) l’attestazione comprovante l’avvenuto pagamento della tassa di € 10,00 (non rimborsabile) da effettuarsi:

  • tramite c/c postale n. 159509 indirizzato al Tesoriere del Comune di Firenze, specificando chiaramente la causale del versamento: “Concorso pubblico Istruttore Direttivo Amministrativo”;
  • tramite bonifico bancario IBAN IT28D0760102800000000159509, indirizzato al Tesoriere del Comune di Firenze, specificando chiaramente la causale del versamento: “Concorso pubblico Istruttore Direttivo Amministrativo”;

b) la documentazione attestante la ricorrenza di una delle condizioni di cui all’art. 38 del D. Lgs. 30.3.2001, n. 165 come modificato dall’art. 7 della L. 6.8.2013, n. 97 (solo per i cittadini extracomunitari);

c) la certificazione medica attestante lo specifico handicap, pena la mancata fruizione del beneficio di ausili necessari e/o tempi aggiuntivi (solo per i candidati che richiedono di sostenere la prova di esame con ausili e/o tempi aggiuntivi);

d) la certificazione da cui risulti un’invalidità uguale o superiore all’80% (solo per i candidati che richiedono l’esonero dalla prova preselettiva);

e) l’idonea documentazione rilasciata dalle autorità competenti attestante il riconoscimento dell’equipollenza del proprio titolo di studio estero a uno di quelli richiesti dal bando;

f) la fotocopia del documento di identità in corso di validità.

Svolgimento del concorso

Qualora il numero delle domande sia tale da non consentire l’espletamento del concorso in tempi rapidi, a insindacabile giudizio dell’Amministrazione, sarà effettuata una prova preselettiva. Non è prevista una soglia minima di idoneità. Con provvedimento dirigenziale, seguendo l’ordine di graduatoria formata sulla base del punteggio conseguito in detta prova, saranno ammessi alle successive prove di esame i primi 300 candidati classificatisi, ivi compresi gli eventuali candidati ex-aequo alla trecentesima posizione.

L’esame consisterà in DUE PROVE SCRITTE e UNA PROVA ORALE.

La prima prova scritta consisterà in domande a risposta aperta su temi oggetto del programma di esame – max 30,00 punti.

La seconda prova scritta, a contenuto teorico-pratico, consisterà in un elaborato volto a verificare la capacità dei candidati ad affrontare casi, temi e problemi tipici del profilo messo a concorso, mediante l’individuazione di iter procedurali o percorsi operativi e/o soluzione di casi e/o stesura di schemi di atti – max 30,00 punti.

La prova orale si articolerà in:

  1. un colloquio su temi oggetto del programma di esame – max 27,00 punti.
  2. una verifica della capacità di utilizzo delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse (Word, Excel, Posta elettronica, Internet) – max 1,50 punti;
  3. una verifica del livello di conoscenza della lingua straniera scelta dal candidato – max 1,50 punti.

Titoli valutabili: è valutabile unicamente il servizio prestato – entro la data di scadenza del bando – presso il Comune di Firenze nel profilo di ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO (categoria giuridica D1) con rapporto di lavoro a tempo determinato o nell’ambito dei lavori socialmente utili.

PROGRAMMA DI ESAME
  • Elementi di diritto costituzionale.
  • Elementi di diritto amministrativo.
  • Il procedimento amministrativo.
  • La documentazione e la certificazione amministrativa.
  • Il diritto di accesso e la riservatezza dei dati personali.
  • Normativa in materia di anti-corruzione e di trasparenza.
  • Disciplina dei contratti pubblici (appalti e concessioni di lavori servizi e forniture).
  • Ordinamento istituzionale degli Enti Locali (D.lgs n. 267/2000 e ss.mm.ii.).
  • Ordinamento contabile e finanziario degli Enti Locali (D.lgs n. 267/2000 e ss.mm.ii.).
  • I tributi locali.
  • Ordinamento del lavoro alle dipendenze delle Amministrazioni Pubbliche.
  • I servizi pubblici locali e le relative forme di gestione.
  • Misurazione e valutazione della performance dell’Amministrazione Pubblica.
  •  Il sistema dei controllo degli Enti Locali.
  • I delitti contro l’Amministrazione Pubblica.
  • Le responsabilità dei pubblici dipendenti.
  • Disciplina sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.

 

Print Friendly