Loading...

PSR-INTERVENTO 5.1.1. Sostegno a investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici

PSR-INTERVENTO 5.1.1. Sostegno a investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici
  • Scadenza :
  • Codice : 2016_102
  • Area territoriale :

Scheda n. 102

OBIETTIVI DEL BANDO

La misura 5 “Ripristino del potenziale agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate misure di prevenzione” è rivolta a sostenere investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali, avversità atmosferiche ed eventi catastrofici. L’intervento è finalizzato al miglioramento delle condizioni ambientali del territorio agricolo regionale, contribuendo alla mitigazione di problemi legati al dissesto idrogeologico ed alla erosione dei suoli, con tutte le conseguenze che ne derivano in termini di mantenimento del potenziale produttivo agricolo, nonché di accessibilità e fruibilità del territorio.

BENEFICIARI

Sono ammessi a presentare domanda per ottenere il sostegno:

  • Consorzi di Bonifica

REQUISITI DEL PROGETTO

Il proponente della domanda deve produrre un programma di intervento dal quale si possano evincere almeno i seguenti elementi:

  • la situazione di rischio/pericolo attuale dell’area oggetto di intervento;
  • la situazione di rischio/pericolo attuale del potenziale produttivo agricolo oggetto di intervento;
  • la descrizione tecnica dell’intervento e le modalità di intervento;
  • il nesso tra l’investimento proposto ed il potenziale produttivo agricolo, anche in termini rischi sul potenziale agricolo presenti sul territorio, soluzioni proposte per arginare i rischi individuati, superficie agricola interessata, numero di aziende agricole interessate
  • il quadro finanziario dell’intervento.
  1. Al momento della presentazione della domanda, i beneficiari dovranno assumere i seguenti impegni:di rispettare nell’esecuzione degli investimenti, le procedure degli appalti pubblici al fine di assicurare una selezione aperta, trasparente e competitiva dei fornitori e dei soggetti responsabili dell’attuazione delle opere, conformemente alla normativa comunitaria e nazionale vigente sugli appalti pubblici in tema di lavori, forniture e servizi;
  2. di realizzare gli investimenti in coerenza con gli indirizzi della Direttiva 2007/60/CE, in attuazione delle disposizioni del Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni del Distretto Idrografico dell’Appennino Meridionale (adottato in data 17.12.2015 e approvato in data 03.03.2016 con Delibere del Comitato Istituzionale Integrato – Primo Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni).

TIPOLOGIA DI INTERVENTI AMMISSIBILI

Gli investimenti da realizzare devono mirare:

  • a migliorare la capacità di adattamento del territorio agli effetti dei fenomeni correlati alle precipitazioni intense, riducendo i rischi alluvionali;
  • a salvaguardare il potenziale produttivo agricolo.

Sono considerati ammissibili a finanziamento le categorie di spesa relative a investimenti per:

  1. a) sistemazione e risagomatura delle sezioni idrauliche dei canali e dei fossi in terra battuta finalizzate a garantire il deflusso delle piene nelle aree di valle;
  2. b) realizzazione di investimenti per opere di regimentazione delle reti di scolo e smaltimento finalizzate al contenimento del trasporto solido ed alla riduzione della velocità di deflusso delle piene nelle aree di monte (ad esclusione di interventi di drenaggio interrato);
  3. c) creazione di nuovi canali naturali formi;
  4. d) realizzazioni di arginature e opere di consolidamento spondale finalizzate alla protezione delle aree agricole interessate dai corsi d’acqua;
  5. e) realizzazione e ripristino di casse di espansione;
  6. f) spese generali collegate alle spese di investimento di cui ai punti precedenti nella misura massima del 9% del valore dell’investimento complessivo.

ENTITA’ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE

Il sostegno è erogato come contributo pubblico in conto capitale.

L’aliquota di sostegno è pari al 100% del costo dell’investimento ammissibile. Il sostegno è quantificato in funzione delle attività effettivamente realizzate per un massimale di € 500.000,00 per singolo piano di intervento.

SCADENZA DELLA DOMANDA

La scadenza è stata prorogata al 21 novembre 2016

Per info:  info@cantieridimprese.it   cell-+39 3484990493

Print Friendly

Richiedi maggiori informazioni

Inviando questo form dichiarerai di aver letto la nostra politica sulla privacy ed acconsentirai al trattamento sui dati personali
Perfetto! La sua richiesta è stata invaita con successo!
OPS! Si è verificato un errore nell'elaborazione della richiesta. Riprova più tardi

Potrebbe interessarti: