Loading...

Promozione e potenziamento dei centri antiviolenza e dei servizi di assistenza alle donne vittime di violenza e ai loro figli e per il rafforzamento della rete dei servizi territoriali

Promozione e potenziamento dei centri antiviolenza e dei servizi di assistenza alle donne vittime di violenza e ai loro figli e per il rafforzamento della rete dei servizi territoriali
  • Scadenza : 03-01-2017
  • Codice : 2016_127
  • Area territoriale : Calabria

Scheda 127

OBIETTIVI DEL BANDO

La Regione Calabria – Dipartimento Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali intende dare attuazione a quanto previsto dal Piano nazionale contro la violenza alle donne attraverso il finanziamento di azioni volte a rafforzare le misure poste in essere a sostegno delle vittime di violenza di genere e i loro figli ed i servizi a loro dedicati, il tutto in un’ottica non solo di assistenza ma di empowerment femminile.

SOGGETTI PROPONENTI

Possono partecipare al presente Avviso per la promozione dei Centri antiviolenza e le Case rifugio quali:

  1. Enti locali, in forma singola o associata;
  2. associazioni e organizzazioni operanti nel settore del sostegno e dell’aiuto alle donne vittime di violenza, che abbiano maturato esperienze e competenze specifiche in materia di violenza contro le donne, che utilizzino una metodologia di accoglienza basata sulla relazione tra donne, con personale formato specificatamente sulla violenza di genere;
  3. soggetti di cui alle lettere a) e b), di concerto, di intesa o in forma consorziata.
  • Le associazioni e le organizzazioni di cui al secondo punto devono:
  • essere iscritte, da almeno cinque anni ad Albi/Registri regionali del Volontariato, della Promozione o della Cooperazione Sociale o all’anagrafe delle Onlus presso l’Agenzia delle Entrate ovvero Fondazioni o altri albi appositamente previsti dalle leggi vigenti;
  • avere nello Statuto i temi del contrasto alla violenza di genere, del sostegno, della protezione e dell’assistenza delle donne vittime di violenza e dei loro figli quali finalità esclusive o prioritarie, coerentemente con quanto indicato con gli obiettivi della Convenzione di Istanbul, e dimostrare una consolidata e comprovata esperienza almeno quinquennale nell’impegno contro la violenza alle donne.
  • E’ preclusa la partecipazione ai soggetti che non rientrano tra quelli sopra elencati e comunque non in possesso dei requisiti minimi dei Centri Antiviolenza e delle Case Rifugio previsti dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 luglio 2014. In caso di partecipazione in forma associata, consorziata, di concerto e di intesa, i proponenti di cui al punto 1 e 2 si impegnano a costituirsi in Associazione Temporanea di Scopo (ATS) indicando, già in sede di presentazione dei progetti, il soggetto che ricoprirà il ruolo di capofila.
  • Per i soli casi di partecipazione in forma associata è ammessa la presenza in ciascuna ATS, e Non come capofila, di:
  • associazioni o organismi di cui al precedente comma 1, che si sono costituiti da meno di cinque anni e con un’esperienza nel settore del sostegno alle vittime di violenza di genere inferiore a cinque anni di attività;
  • soggetti con un’esperienza negli interventi di recupero e accompagnamento dei responsabili di atti di violenza. Saranno escluse dalla selezione le proposte che non rispettano i requisiti di partecipazione richiesti alle lett. a) e b) dal presente comma.
  • La realizzazione delle attività progettuali dovrà essere svolta esclusivamente dal proponente, sia in forma singola o ATS, non essendo ammesso l’affidamento a soggetti terzi delle attività medesime.Ogni soggetto, sia in qualità di capofila che di partner, pena l’inammissibilità della relativa domanda, può presentare un solo progetto.

DESTINATARI

Sono destinatari del presente avviso:

  • le donne vittime di violenza di genere e i loro figli presi in carico dai servizi territoriali o dai centri di ascolto;
  • le donne vittime di tratta per quanto riguarda le Case rifugio nei casi eccezionali di accoglienza e per periodi non superiori ai 15 gg

TIPOLOGIA DI INTERVENTI AMMISSIBILI

In particolare, saranno finanziati i progetti finalizzati a:

  • promuovere un livello di informazione adeguato, diffuso ed efficace del fenomeno, al fine di accrescere la consapevolezza e la sensibilità del territorio;
  • sviluppare la rete di sostegno alle donne vittime di violenza e ai loro figli attraverso il rafforzamento dei servizi territoriali, dei centri antiviolenza, delle case rifugio e dei servizi di assistenza, prevenzione e contrasto che, a diverso titolo, entrano in relazione con le donne vittime di violenza, in coerenza con quanto previsto dall’art. 5 comma 2 lettera d) del decreto legge del 14 agosto del 2013 n. 93;
  • assicurare un elevato livello di accoglienza e sostegno alle donne vittime di violenza di genere;
  • garantire il sostegno di una formazione adeguata delle operatrici dei Centri e delle Case Rifugio;
  • prevedere una raccolta strutturata di dati e informazioni del fenomeno ed il collegamento con altri progetti in materia.
  • L’ammontare delle risorse destinate ai progetti di cui al presente Avviso è di € 400.000,00.

L’importo oggetto del presente avviso è ripartito per le due tipologie di intervento per come di seguito riportato:

  • per i progetti dei Centri Antiviolenza € 200.000,00 così ripartiti:
  • per i progetti dei Case Rifugio € 200.000,00 così ripartiti:

Il contributo della Regione potrà al massimo essere pari al 90% del costo totale previsto per la realizzazione della proposta progettuale presentata. Il proponente, pertanto, dovrà garantire un cofinanziamento almeno pari al 10% del costo totale. Il contributo regionale per ciascun progetto non potrà in ogni caso superare l’importo massimo di:

  • € 30.000,00 per i progetti presentati dai soggetti proponenti gestori di Centri Antiviolenza oltre la quota privata;
  • € 50.000,00 per i progetti presentati dai soggetti proponenti gestori di Case Rifugio, oltre la quota privata. Detti massimali sono riferiti alla quota finanziabile dalla Regione Calabria ed è, quindi, possibile presentare progetti che prevedano un costo complessivo superiore, con l’onere di dichiarare come si intende far fronte al residuo finanziamento in proprio o da parte di altro soggetto.

SCADENZA DELLA DOMANDA

03 gennaio 2017

Per info:  info@cantieridimprese.it  cell- +39 3484990493

Print Friendly

Richiedi maggiori informazioni

Inviando questo form dichiarerai di aver letto la nostra politica sulla privacy ed acconsentirai al trattamento sui dati personali
Perfetto! La sua richiesta è stata invaita con successo!
OPS! Si è verificato un errore nell'elaborazione della richiesta. Riprova più tardi

Potrebbe interessarti: