Loading...

Archivista dei beni librari e documentari presso il Comune di Pavia

Archivista dei beni librari e documentari presso il Comune di Pavia
  • Scadenza :
  • Codice :
  • Ente/Azienda :

È indetto Concorso Pubblico, per esami, per la copertura di un posto di Archivista dei beni librari e documentari (Cat. D1) da destinare al Settore Cultura e Turismo del Comune di Pavia.

La figura ricercata sarà adibita all’espletamento delle mansioni: Inventariazione, archiviazione e conservazione dei beni librari e documentari secondo le disposizioni della L. R. n. 81/85 e del D.Lgs. n. 42/2004 (CODICE DEI BENI CULTURALI).

REQUISITI GENERALI PER L’AMMISSIONE

Per l’ammissione al Concorso sono richiesti i seguenti requisiti:

  1. avere un’età non inferiore ad anni 18° anno e non superiore a quella prevista dalle norme vigenti per il collocamento a riposo;
  2. essere cittadino italiano (sono equiparati gli italiani non appartenenti alla Repubblica); oppure essere cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;  oppure essere familiare di cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea non avente la cittadinanza di uno Stato membro, con titolarità del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente; oppure essere cittadino di Paesi terzi (extracomunitari) titolare del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolare dello status di rifugiato o dello status di protezione sussidiaria;
  3. avere il godimento dei diritti civili e politici (o non essere incorso in alcuna delle cause che, a norma delle vigenti disposizioni di legge, ne impediscono il possesso);
  4. essere in possesso, per quanto a conoscenza, dell’idoneità fisica all’attività lavorativa da svolgere,
  5. essere in posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva (solo per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985);
  6. non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e/o del vigente C.C.N.L., la costituzione del rapporto d’impiego con Pubbliche Amministrazioni, salvo sia stato estinto il reato, per il quale il concorrente è stato condannato, ovvero sia stata conseguita la riabilitazione, ai sensi dell’art. 178 del C.P., alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura concorsuale;
  7. non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stato dichiarato decaduto da un impiego statale.

REQUISITI SPECIFICI PER L’AMMISSIONE

In aggiunta ai suddetti requisiti generali, i candidati dovranno essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • diploma di laurea in Scienze dei Beni Archivistici e Librari (nuovo ordinamento);
  • laurea magistrale in Archivistica e Biblioteconomia (nuovo ordinamento);
  • diploma di laurea in Operatori dei beni culturali con indirizzo archivistico (vecchio ordinamento);
  • diploma di laurea in Lettere (vecchio o nuovo ordinamento); *
  • diploma di laurea in Conservazione dei Beni Culturali (vecchio ordinamento); *
  • diploma di laurea in Storia e Conservazione dei Beni Culturali (vecchio ordinamento); *
  • laurea magistrale in Beni Culturali (nuovo ordinamento); *
  • laurea magistrale in Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali (nuovo ordinamento); *
  • laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (nuovo ordinamento); *

* I diplomi di laurea o laurea magistrale di cui ai precedenti punti 4) – 5) – 6) – 7) – 8) – 9) sono ammessi solo se integrati da: diploma rilasciato dalle scuole speciali per archivisti e bibliotecari istituite presso le Università degli Studi; oppure: diploma di archivistica, paleografia e diplomatica conseguito dopo la laurea e rilasciato dalle scuole istituite presso gli Archivi di Stato (art. 14 DPR n. 1409/63).

PROVE D’ESAME

La prima prova scritta verterà sulle seguenti materie:

  • Archivistica generale con particolare riferimento al concetto di Archivio, alle diverse tipologie e partizioni, al concetto di documento, alla formazione dell’Archivio ed alla sua gestione attraverso strumenti tradizionali e/o informatici, all’ordinamento, classificazione, inventariazione, conservazione e scarto dei documenti;
  • Archivieconomia;
  • Legislazione archivistica;
  • Codice dei beni culturali e del paesaggio, con particolare riferimento agli aspetti di valorizzazione del patrimonio culturale costituito dagli archivi storici;
  • Legislazione in materia di Ordinamento degli Enti Locali con particolare riguardo ai Comuni;
  • Normativa in materia di trasparenza ed accesso agli atti.

La seconda prova scritta a contenuto teorico-pratico può consistere in redazione di progetti, individuazione di iter procedurali o percorsi operativi, soluzione di casi, elaborazione di schemi di atti, simulazioni di interventi, etc.., anche con l’ausilio di strumentazioni informatiche e comunque in prove strettamente afferenti il profilo professionale da ricoprire.

Prova orale sulle seguenti materie:

  • Materie oggetto della prova scritta;
  • Conoscenza a livello scolastico di una lingua straniera scelta tra inglese o francese
  • Accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse, in particolare degli applicativi informatici di inventariazione utilizzati in Regione Lombardia. I predetti accertamenti di lingua e di informatica non determineranno punteggio, ma solo giudizio di idoneità.

Il calendario delle prove è il seguente:

1^ PROVA SCRITTA: GIOVEDI’ 20 APRILE 2017 – ORE 14.00

2^ PROVA SCRITTA: VENERDI’ 21 APRILE 2017– ORE 14.00

PROVA ORALE: GIOVEDI’ 18 MAGGIO 2017 a seguire – ORE 9.00

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

Alla domanda dovranno essere obbligatoriamente allegati:

  1. la ricevuta originale di versamento sul c/c postale n. 17151275 della tassa di concorso dell’importo di Euro 10,33= intestato a Comune di Pavia – Piazza Municipio n. 2 – 27100 Pavia, indicando specificatamente, nello spazio riservato alla causale, il tipo di concorso cui si intende partecipare. Il pagamento non effettuato o effettuato dopo la scadenza del bando comporta l’esclusione dal Concorso. LA TASSA SUDDETTA NON È RIMBORSABILE;
  2. la fotocopia leggibile del documento di identificazione, munito di fotografia, in corso di validità;
  3. il curriculum vitae redatto su carta semplice, datato e sottoscritto. Tale documento è prodotto esclusivamente a fini conoscitivi e non costituisce né causa di esclusione nè, in alcun caso, oggetto di valutazione da parte della Commissione Giudicatrice.

La domanda di ammissione al concorso e la documentazione ad essa allegata devono pervenire al Comune di Pavia entro il termine perentorio di SABATO 8 APRILE 2017 (ore 12.00) pena l’esclusione. Le domande spedite entro il termine perentorio sopra indicato ma pervenute al Protocollo in data successiva, non saranno ammesse.

DOMANDA DI AMMISSIONE AL CONCORSO

La domanda di ammissione al Concorso, sottoscritta dal concorrente a pena di esclusione e redatta in carta semplice, con caratteri chiari e leggibili, secondo lo schema riportato in calce, potrà essere inoltrata:

  • a mano al Protocollo Generale del Comune di Pavia – Piazza Municipio n. 2 – 27100 Pavia;
  • a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata al Servizio Personale e Organizzazione – Piazza Municipio n. 2 – 27100 PAVIA. Sul retro della busta il concorrente deve apporre cognome, nome, indirizzo e l’indicazione dell’oggetto del Concorso cui partecipa;
  • con posta elettronica certificata – sottoscritta mediante firma digitale – all’indirizzo: protocollo@pec.comune.pavia.it . Saranno accettate anche le domande non sottoscritte mediante firma digitale solo se inviate tramite utenza personale di posta elettronica certificata.

Per il testo completo del bando e il modello di domanda, visita la pagina del concorso.

 

info@cantieridimprese.it

Print Friendly